© 2019 Multimedia Artisti Associati - staff@artistiassociati.it - P.IVA 01155780685 - 3338665436 

concerti   festival   convention

dal 1984

Logomm

Bruno Biriaco si affaccia sulla scena a 17 anni, come batterista, affermandosi subito fra i musicisti più rappresentativi del Jazz italiano degli anni ’70. Collabora con i migliori musicisti italiani e stranieri come Franco D’Andrea, Gianni Basso, Nunzio Rotondo, Frank Rosolino, Chet Baker, Johhny Griffin, Slide Hampton, George Coleman, Bob Berg. Dal ‘72 al ‘77, fa parte del “PERIGEO”, il maggior gruppo di Jazz-Rock italiano degli anni ‘70, col quale registra sei album per la RCA Italiana. Nel 1978 debutta come arrangiatore con i “SAXES MACHINE”, cinque sassofoni più ritmica, con i quali parteciperà a diversi Festivals: Antwerp Middelheim Jazz Fest ‘78, Jazz Jamboree di Varsavia ‘79, Festival Internazionale della Musica di Cartagine ’81 e a Copenaghen: Montmatre Jazz Club e Slukefter Jazzhus ’80. Dal 1983 collabora con la R.A.I per la quale cura, come Maestro, le colonne musicali di alcune tra le sue più importanti produzioni: Domenica in ‘84/85, “Proffimamente non stop 3” ’87, “Io Jane Tu Tarzan” ’89, “Piacere Raiuno” ‘89, ‘90, ‘91, “Domenica In” ‘93/94, “Luna Park” ‘94, ‘95, ‘96, “Colorado” ‘97, “In Bocca al Lupo” edizioni ‘98, ‘99, ‘2000, “Numeri Uno” ‘02, Destinazione Sanremo ‘02.

 

Biografia  ...  segue

Bruno Biriaco

image-744

SAXES MACHINE


Un gruppo storico del Jazz italiano

 

SAXES MACHINE

Bruno Biriaco             Batteria    
Gianni Oddi                Sax soprano
Filiberto Palermini     Sax alto
Alessandro Tomei     Sax tenore
Simone Salza              Sax tenore
Marco Guidolotti        Sax baritono
Ettore Carucci             Piano
Massimo Moriconi     Basso   

La sonorità big band sintetizzata in una sezione di sassofoni e ritmica, con il suo repertorio di brani originali e "standards" (Giant Steps, Four Brothers, A Night in Tunisia, ecc.), vero banco di prova anche per il più esperto musicista. I "Saxes Machine" hanno segnato un’epoca e ancora oggi dimostrano come il Jazz possa tranquillamente esprimersi, senza mai perdere le sue peculiarità, anche all’interno della più elaborata partitura.

Create a website